CONCERTO PER VOCI SOLITARIE

Un viaggio nelle stazioni dell’assurdità umana, con drammatiche fermate previste in Russia, Polonia, Italia e Cecenia durante le quali mescolando realtà, fantasia ad autobiografia, lo spettatore sarà proiettato in un vortice di contrastanti emozioni.

Genesi del progetto
Arte, informazione e disinformazione ad arte 2008-2016

Nel 2008 con la mia compagnia ho dato vita al progetto “Arte, informazione e disinformazione ad arte”.
Un tema unico (l’informazione) e tre argomenti diversificati per paesi (Russia, Stati Uniti e Italia)

Siamo partiti dalla Russia affrontando il problema della corretta informazione nel pluripremiato
Anna Politkovskaja: concerto per voce solitaria”, portando in giro, per le maggiori città italiane, il motto “io vivo la vita e scrivo ciò che vedo” dell’allora sconosciuta giornalista russa Anna Politkovskaja, la cui voce di protesta fu messa a tacere per sempre il 7 ottobre 2006 con 5 colpi di makharov.

Lo spettacolo ritorna in scena nel 2016 in una nuova formazione con l’ingresso in Compagnia di Katia Nani protagonista di un intenso monologo su Natalia Estemirova , in una formula riveduta, aggiornata ed ampliata alle storie di Antonio Russo ed Ilaria Alpi, la cui vicenda processuale sarà sottoposta a revisione, come stabilito dalla procura di Perugia.

Seconda tappa del viaggio, gli Stati Uniti. L’informazione e la disinformazione sui tragici avvenimenti del 2001 sono l’argomento principale di “11 settembre 2001: strage o complotto? YOU DECIDE”, TheatReality stile Grande Fratello, al termine del quale toccherà al pubblico presente in sala esprimere il proprio giudizio in favore della tesi più convincente tra strage o complotto.

La terza tappa riguarda l’Italia. Il titolo è “Io so...io so di non sapere”, tragicommedia su tanti misteri, risolti e non, del nostro paese. Debutto previsto nella Rassegna Wunderkammer di Napoli il 3 giugno 2016

Nel mio “teatro civile”, fatto in maniera civile, da artisti civili per un pubblico civile, tutti sono parti essenziali di un unico progetto: debellare il virus della disinformazione ad arte!
FerdiNando Maddaloni.

Note di regia
Anna Politkovskja, Natalia Estemirova, Antonio Russo, Ilaria Alpi concerto per voci solitarie

Il 7 ottobre 2006, Anna Politkovskaja è stata assassinata a Mosca, nell'ascensore del suo palazzo. Era la più coraggiosa giornalista che la Russia ricordi. Ferdinando Maddaloni ha realizzato sulla vicenda una docufiction e un concerto/spettacolo, aggiudicandosi, dopo una lunga tournée partita il 27 maggio 2008 dal Museo Pan di Napoli, numerosi riconoscimenti. Targhe, premi, servizi, articoli, il gruppo www.facebook.com/noi non dimenticheremo Anna Politkovskaja, sono stati sempre utilizzati come cassa di risonanza per mantenere vivo il coro d’indignazione a protezione dei figli di Anna, Ilya e Vera, impegnati nella titanica impresa di far riaprire il processo per l’omicidio della madre conclusosi, per ben due volte, con l’assoluzione di tutti gli imputati. Nel maggio del 2014, al terzo tentativo, dopo l’arresto dell’esecutore materiale, il tribunale di Mosca ha emesso severe condanne.

Nel 2016, a 10 anni dall’ omicidio di Anna Politkovskaja torna in scena in una nuova versione dal titolo “Anna Politkovskja, Natalia Estemirova, Antonio Russo, Ilaria Alpi: concerto per voci solitarie” nella speranza che, come accaduto per Anna, giustizia sia fatta anche per Natalia, Antonio ed Ilaria.

Natalia Estemirova (Oblast' di Sverdlovsk, 28 febbraio 1958 – Inguscezia, 15 luglio 2009) è stata una giornalista attivista russa per i diritti umani rapita da ignoti il 15 luglio 2009. Il cadavere riportava i segni di ferite da arma da fuoco alla testa e al torace. Caso irrisolto

Antonio Russo (Chieti, 3 giugno 1960 – Tbilisi, 16 ottobre 2000) giornalista italiano. Lavorava come inviato per Radio Radicale. Ucciso in circostanze misteriose nei pressi della città georgiana di Tbilisi. Caso irrisolto

Ilaria Alpi: Ilaria Alpi (Roma, 24 maggio 1961 – Mogadiscio, 20 marzo 1994) è stata una giornalista italiana del TG3, uccisa assieme all'operatore Miran Hrovatin mentre si trovava in vacanza* a Mogadiscio. Scarcerato l’unico condannato . Caso irrisolto.

* dalla relazione di maggioranza del Comitato parlamentare d’inchiesta 6/2/2006

Accompagnato dalle attrici Carmen Femiano e Katia Nani, Ferdinando Maddaloni proporrà al pubblico un viaggio nelle stazioni dell’assurdità umana, con drammatiche fermate previste in Russia, Polonia, Italia e Cecenia durante le quali mescolando realtà, fantasia ad autobiografia, lo spettatore sarà proiettato in un vortice di contrastanti emozioni.

con Carmen Femiano, Katia Nani e Ferdinando Maddaloni
Testo e regia Ferdinando Maddaloni

VENERDI' 21 APRILE 2017 ORE 21

Biglietto unico 10 €
Teatro Comunale di Formello J.P. Velly
Compreso servizio baby parking per tutta la durata dello spettacolo
add
Letto 604 volte